STORIE DA CONOSCERE E RACCONTARE: “Divisa in due” di S.M. Draper
Schermata 06-2459016 alle 12.11.30

segnalazione di Paola Benadusi Marzocca
dopo quanto avvenuto in questo periodo sembra che il libro rappresenti con chiarezza le contraddizioni e l’atteggiamento della società americana e in particolare della polizia pronta a intervenire con troppa fretta e violenza quando si tratta di fermare un “nero”.

.
DIBATTITO EDUCAZIONE CIVICA ORA – Dialogo sull’educazione civica in tempi di coronavirus
Schermata 06-2459015 alle 13.31.09

di Luciano Corradini
In questi giorni in cui la nostra routine è stata trasformata in modo tanto profondo quanto inatteso dall’entrata in scena del coronavirus, In molti ci siamo domandati: “Ci salveremo?”.

Prima di schierarmi fra gli ottimisti e i pessimisti io mi sono chiesto, però, qual è il soggetto di questo verbo “ci salveremo”. E da quali sventure, da quali ingiustizie, da quali sofferenze non necessarie ci salveremo, mentre ospedali e cimiteri non reggono il ritmo dei contagiati e dei defunti. Noi chi? Noi italiani, noi europei, noi occidentali, noi bianchi, noi cristiani, noi esseri umani, noi esseri viventi sul Pianeta? Si potrebbe continuare, selezionando coloro che ci interessano più da vicino.

.
DIBATTITO EDUCAZIONE CIVICA ORA – Un esempio per ispirare il Piano dell’Offerta Formativa degli Istituti Scolastici
Schermata 06-2459009 alle 09.59.49

di Tiziana Guerrini

Educazione Civica. Costituzione 2030: si chiamerà cosi’ il percorso che l’I.T.T.S. A. Volta di Perugia avvierà dal prossimo settembre per rispondere all’introduzione obbligatoria dell’Educazione Civica da parte del Ministero dell’Istruzione con la legge n.92 del 20 agosto 2019. In realtà, non si tratta di un qualcosa di nuovo o di profondamente rivoluzionario perché l’Istituto in cui lavoro e nel quale coordino le attività di Cittadinanza e Costituzione, grazie alla particolare sensibilità della Dirigente Scolastica Rita Coccia, da anni ormai è seriamente e concretamente impegnato in percorsi strutturati che vogliono coinvolgere gli studenti e creare e potenziare quel sentimento di appartenenza e consapevolezza civica di cui il nostro Paese, l’Europa e il Mondo intero hanno terribilmente bisogno.

.
DIBATTITO EDUCAZIONE CIVICA ORA – Socializzazione etico-politica ed educazione alla Cittadinanza Globale a scuola. Work-Based Learning nella Società della conoscenza
youth

di Luisa Aiello –
E’ possibile perseguire obiettivi formativi di cittadinanza globale e sviluppo sostenibile attraverso la creazione di percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento fondati sulla relazione con i contesti organizzativi, le culture e le professionalità del lavoro? Il contributo interpreta i differenti orientamenti concernenti il potenziale educativo del Work-Based Learning nella scuola secondaria del secondo ciclo come espressione di differenti “teorie” della complessità sociale e presenta alcuni primi risultati del Progetto “Modelli innovativi di alternanza scuola lavoro” – condotto dall’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa (INDIRE) all’interno del Programma Operativo Nazionale 2014-2020 “Per la scuola competenze e ambienti per l’apprendimento” – attraverso una ricerca di campo basata principalmente su questionari e focus group per l’analisi di studi di caso (percorsi di alternanza scuola lavoro realizzati negli a.s. dal 2016/17 al 2018/19, per perseguire obiettivi formativi di cittadinanza globale e sviluppo sostenibile).

.
STORIE DA CONOSCERE E RACCONTARE: Factory di Tim Bruno
Schermata 06-2459020 alle 16.21.54

Segnalazione a cura di Paola Benadusi Marzocca

Se farsi capire è la regola per chi si rivolge alle giovani generazioni, ” Factory” – il romanzo di Tim Bruno, scrittore e naturalista – ci riesce in pieno. In questi tempi opachi è indispensabile essere quanto meno informati sui temi dell’equilibrio ecologico, sulla salvaguardia degli animali e dell’ambiente, sull’inquinamento che ci minaccia fin dentro le nostre case.

.
DIBATTITO EDUCAZIONE CIVICA ORA – Pratiche di cultura del contraddittorio nella scuola italiana: Il progetto ‘A suon di parole – Il gioco del contraddittorio’
Schermata 05-2458999 alle 13.04.03

di Paolo Sommaggio – Chiara Tamanini
Il progetto ‘A suon di parole – Il gioco del contraddittorio’ ha evidenziato come il confronto dialettico, vissuto come una competizione sportiva, sia in grado di promuovere negli studenti il desiderio e la capacità di confrontare i propri ragionamenti con quelli degli altri. Scopo del “gioco educativo” è di sviluppare l’autonomia di pensiero nei giovani, aumentarne la interazione e la coesione sociale. Il dibattito, se svolto secondo un’ispirazione socratica, prepara infatti i cittadini di domani.

.
DIBATTITO EDUCAZIONE CIVICA ORA – Pratiche non prediche
Schermata 05-2458995 alle 11.14.58

di Orazio Niceforo
Quella di cui si parla di meno, ma che dovrebbe essere la principale finalità dell’EC, è l’educazione alla cittadinanza democratica, che si fonda sulla conoscenza e sul rispetto delle regole di convivenza frutto di una maturazione personale legata a pratiche esperienziali più che alla conoscenza di norme che se non diventano vita vissuta restano astratte, mute. Per questo, almeno per quanto riguarda la scuola secondaria superiore, andrebbe incoraggiata, con la ripresa delle attività scolastiche a settembre, l’utilizzazione dei ‘Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento’ (PCTO, la sigla che ha sostituito l’ASL, Alternanza Scuola Lavoro) in forma di esperienze di EC praticate.

.
DIBATTITO EDUCAZIONE CIVICA ORA – Educazione e cittadinanza in tempi di crisi della democrazia
Schermata 05-2458981 alle 19.31.53

di Loredana Sciolla -
Più i cittadini sono istruiti e informati meno sono manipolabili. Ma gli sforzi maggiori devono essere indirizzati a promuovere l’educazione alla cittadinanza democratica spiegando come questa sia cambiata nel tempo e come recuperare il senso di una cittadinanza attiva ed esigente non solo attraverso la sua istituzionalizzazione nel curriculum come materia specifica di insegnamento, ma attraverso tutti i mezzi disponibili: dalla diffusione delle buone pratiche all’uso informato e critico dei nuovi media, dalla promozione di contesti che sviluppano l’interazione e il senso di comunità, allo sviluppo dell’attitudine al ragionamento e all’argomentazione.

.
E’ uscito il primo numero per il 2020 di Scuola Democratica
index

INTRO Luciano BenadusiVittorio Campione “Ripensare gli ordinamenti scolastici e in particolare la secondaria” SAGGI Gabriele Pinna Marco Pitzalis “Tra scuola e lavoro. L’implementazione dell’Alternanza Scuola Lavoro tra diseguaglianze scolastiche e sociali” Francesca Farruggia Maria Grazia Galantino “Altri’ italiani. Relazioni e processi di identificazione dei liceali di seconda generazione a Roma”…

.
L’evento inaugurale di “Aspettando La Buona Battaglia. L’Educazione civica” – giovedì 21 maggio ore 18
Schermata 05-2458991 alle 15.50.08

Sul portale  www.scuoladifuturo.it prende il via l’iniziativa Aspettando La Buona Battaglia. L’Educazione civica. Estratti, video, interviste e molto altro sui temi dell’Educazione civica. L’evento inaugurale sarà: giovedì 21 maggio, ore 18  in diretta su  www.scuoladifuturo.it  e sulla pagina Facebook de La buona battaglia Intervengono in diretta streaming: Alfonso Celotto, Claudio Giunta, Michele Guerra…

.
STORIE DA LEGGERE E RACCONTARE: Apprendere i valori quando gli insegnanti non sono un buon esempio.
Schermata 05-2458988 alle 17.39.20

Recensione di “ASCOLTA IL MIO CUORE” di Bianca Pitzorno – a cura di Paola Benadusi Marzocca (esperta di editoria per bambini e ragazzi) –
I fatti narrati nel romanzo sono realmente accaduti nella scuola elementare frequentata dalla Pitzorno in Sardegna. La maestra è rappresentata proprio com’era, un esemplare umano che sapeva insegnare a scrivere e a leggere, ma non a capire ed educare i suoi alunni al rispetto degli altri e alla conoscenza di se stessi.

.
DIBATTITO EDUCAZIONE CIVICA ORA – Reintroduzione dell’educazione civica e insegnamento di “questioni controverse”
Schermata 05-2458982 alle 12.20.22

di Alessandro Cavalli
Dobbiamo chiederci perché tutti i tentativi di introdurre l’educazione civica hanno incontrato difficoltà così persistenti.
Per comprendere il passato e il presente di questo Paese, non si può evitare di affrontare “questioni controverse”, sulle quali è legittimo avere opinioni diverse e persino contrastanti. Se gli insegnanti non hanno strumenti didattici adeguati per affrontare le questioni controverse, tenderanno inevitabilmente ad evitarle e avranno anche buone ragioni per farlo, perché altrimenti metterebbero in moto dinamiche che poi non sarebbero più in grado di controllare. D’altronde che non ci siano reali opportunità per portare in classe la natura controversa e problematica della realtà politica e sociale al di fuori della scuola è probabilmente uno dei fattori che spiegano il disinteresse e l’apatia di molti giovani nei confronti della scuola.

.
DIBATTITO EDUCAZIONE CIVICA ORA – L’anno prossimo, l’Educazione Civica in tutte le scuole italiane. Perché occorre occuparsene fin d’ora
Schermata 04-2458962 alle 14.15.25

di Giunio Luzzatto

Potrebbe apparire fuori tempo, in un momento nel quale si stanno ancora dibattendo le procedure con le quali si concluderà l’attuale anno scolastico, esaminare le modalità con le quali nell’anno prossimo si dovrà non solo recuperare qualche cosa di ciò che in quest’anno non si è riusciti a completare, ma addirittura procedere a una importante innovazione. Peraltro, si dice spesso che proprio le crisi possono dare uno stimolo a non limitarsi a ripristinare, puntando invece a miglioramenti.

.
STORIE DA LEGGERE E RACCONTARE: “MITICHE – Storie di donne della mitologia greca” di Giulia Caminito
Schermata 05-2458981 alle 11.49.10

a cura di Paola Benadusi Marzocca (esperta di editoria per bambini e ragazzi) -

La voce “donna” è quasi dimenticata nelle opere degli studiosi di storia antica perché è noto che le leggi che stabilivano i diritti e i doveri dei cittadini greci e romani, si fondavano sul presupposto che gli uomini erano i soli portatori della cultura. Il libro “MITICHE – Storie di donne della mitologia greca” di Giulia Caminito, arricchito dalle incisive illustrazioni di Daniela Tieni, aiuta a conoscere da vicino alcune figure di donne della mitologia greca che hanno assunto nel tempo una dimensione epica.

.
DIBATTITO EDUCAZIONE CIVICA ORA – L’educazione contro la post-democrazia
index

di Luciano Benadusi

La rivista Scuola Democratica-Learning for Democracy ha posto da sempre al centro del suo impegno intellettuale, in coerenza con il lascito di John Dewey, il filosofo e pedagogista americano autore di Democrazia e educazione (1963), la relazione fra educazione e democrazia. A maggior ragione è chiamata a farlo oggi davanti ad una grave sintomatologia di crisi della democrazia, perfino nei paesi che storicamente ne erano stati la culla.

.
CHIAMATA AL DIBATTITO : EDUCAZIONE CIVICA ORA – Un’opportunità decisiva da giocare, oggi più che mai
imgtreages

Quest’anno è cruciale per definire il modo in cui nelle scuole sarà vissuto concretamente l’insegnamento di Educazione Civica, dopo l’entrata in vigore della legge 92/2019 con un inusuale e altissimo consenso in parlamento. Cosa questo insegnamento diverrà nella vita concreta delle scuole, nel percorso di apprendimento e nelle vite degli studenti e delle studentesse dipende ora da una molteplicità di attori. Vi invitiamo a contribuire al dibattito su Learning4.it, il blog di Scuola Democratica.

.
STORIE DA LEGGERE E RACCONTARE: Le lezioni indimenticate dei classici ad alta leggibilità
Schermata 04-2458964 alle 17.53.21 1

di Paola Benadusi Marzocca

Per avvicinare bambini e adolescenti ai grandi classici occorre renderli comprensibili perché sono storie che parlano a tutti e che, come ha scritto Italo Calvino, non hanno finito di dire quello che hanno da dire. Immergono infatti in un passato lontano, quasi perduto al ritmo frenetico della vita quotidiana momentaneamente interrotto da virus in agguato. Sono i classici ad alta leggibilità proposti dal “Battello a Vapore” (Piemme) in versione integrale

.
STORIE DA CONOSCERE E RACCONTARE – Quando si mette in gioco Rodari
Gianni Rodari amb Nens

di Piero Valentini
E’ facile in questo periodo imbattersi in un’infinità di articoli che commemorano Gianni Rodari, dato che proprio questi giorni corrispondono al suo centenario. Sarebbe utile, almeno in questo momento di picco di attenzione verso Rodari, sganciarsi dalla tentazione di contemplarlo, per provare a dare maggiore importanza al suo contributo per la scuola, per l’apprendimento. In questo senso rimettere in gioco Rodari. Il suo scopo nelle scuole non era infatti quello di farsi ammirare come scrittore ma insegnarci che nella società dell’intrattenimento possiamo essere non solo consumatori.

.
On line il numero speciale di Scuola Democratica dedicato a Education and Postdemocracy
Schermata 04-2458960 alle 22.45.50

E’ possibile scaricare gratuitamente il numero on line.
Indice del numero 4, 2019, numero speciale Dedicato a Education and Postdemocracy
Luciano Benadusi, Assunta Viteritti, Leonardo Piromalli From Democracy and Education, to Education and Postdemocracy. An Introduction to the Special Issue from the First International Conference of Scuola Democratica
continua….

.
STORIE DA CONOSCERE E RACCONTARE. Marie Curie e la passione per la scienza.
Schermata 03-2458940 alle 19.51.50

La 57° edizione della Fiera internazionale del Libro per Ragazzi di Bologna che si sarebbe svolta in questi giorni è saltata causa coronavirus. Tra i vari premi che erano già stati assegnati prima della Fiera ha ottenuto il Bolognaragazzi Award per la non Fiction MARIE CURIE – NEL PAESE DELLA SCIENZA scritto e disegnato da Irene Cohen- Janca e Claudia Palmarucci “Una biografia sapiente e mai didascalica, vibrante di emozioni, racconta le vicende storiche della vita della scienziata Marie Curie, in una narrazione al contempo intima, personale e pubblica.”

.