Articoli pubblicati nella categoria: Altre fonti
“Un amore adolescente” di Helga Schneider : Il riscatto di Liesèl
Schermata 12-2458095 alle 20.20.30

Nell’Austria postbellica, una giovane fa i conti con il passato oscurato dalle contraddizioni dell’Anschluss e si misura con un futuro minato da insicurezze e dolori. È un bell’affresco storico oltre che dell’età giovanile il nuovo romanzo per young adults dell’autrice di “Stelle di cannella”

.
Una riflessione sull’apprendimento cooperativo
yKmEoqgvcsPATinhcBj5iUkG

di Silvia Zanazzi (Ricercatrice in Pedagogia presso Sapienza Università di Roma)
Che cosa c’è di davvero innovativo nel cooperative learning? Secondo Comoglio l’apprendimento cooperativo segna l’ingresso nella scuola della psicologia sociale, con l’attenzione al lavoro sul gruppo e sull’interdipendenza.

.
Cyberbullismo. Recensione del libro COSA SAREMO POI di Luigi Ballerini
isthisagoodschool

Dinanzi alla tematica forte e attuale del cyberbullismo che investe i giovani di ogni latitudine con conseguenze a volte drammatiche, Luigi Ballerini, medico, psicoanalista e scrittore pluripremiato, descrive insieme alla scrittrice Luisa Mattia nel suo ultimo romanzo dal titolo significativo COSA SAREMO POI (Lapis,pp.229, € 12,50), un classico caso di aggressione in rete.

.
Salutando Simonetta
Schermata 03-2457835 alle 10.16.40

Di recente è venuta a mancare Simonetta Salacone, una personalità molto stimata del mondo della scuola, una dirigente scolastica che fu anche presidente dell’IRSSAE Lazio e responsabile scuola di SEL. Giuliano Ligabue, ex dirigente scolastico, ha scritto una bella commemorazione uscita su Confronti. Ci fa piacere ripubblicarla.

.
E’ uscito il nuovo numero di Scuola Democratica
Schermata 02-2457800 alle 12.06.28

Segnaliamo l’uscita del terzo numero di Scuola Democratica per il 2016. Una Special Issue sulle Innovazioni didattiche nelle riforme universitarie a cura di Giunio Luzzatto e Matteo Turri. Per andare all’indice della rivista on line clicca QUI Indice del numero 3, 2016, settembre-dicembre ·         ISBN: 978-88-15-26332-2 TITOLO: Special Issue: Innovazioni…

.
Scuola Democratica Call for Papers : scadenza posticipata al 15 febbraio!
schermata-11-2457700-alle-11-00-20

Schools and Religious Identities: Challenges and Dilemmas of the New Millennium -
Scuola Democratica, la rivista italiana che si occupa di ricerca, analisi e riflessione sull’educazione e l’apprendimento, edita da Il Mulino, promuove la Call for Papers Schools and Religious Identities: Challenges and Dilemmas of the New Millennium, invitando studiosi italiani e stranieri a sottoporre proposte di articoli che verranno pubblicati nel Numero 3 (settembre 2017), con una Special Issue a cura di Mara Benadusi, Valeria Fabretti e Luca Salmieri.

.
LA SCUOLA SALVATA DAI BAMBINI. Intervista a Benedetta Tobagi
schermata-12-2457744-alle-12-01-55

a cura di Paola Benadusi Marzocca (esperta di editoria per bambini e ragazzi) – Leggendo il libro inchiesta di Benedetta Tobagi si avverte l’invito a parlare a tutti, la spinta condivisa da insegnanti e ragazzi a cambiare la realtà attuale. Il viaggio che compie l’autrice nelle scuole primarie pubbliche disegna uno scenario complesso ricco di maestri e dirigenti di grande competenza e soprattutto di buona volontà dentro a un sistema scolastico che potrebbe funzionare meglio e ampliare l’offerta formativa in linea con gli standars europei. Si tratta di una scuola primaria migliore o peggiore rispetto agli anni in cui lei la frequentava da alunna?

.
Il quaderno Treellle su Istruzione e Formazione professionale.
Schermata 07-2457584 alle 11.42.43

A Torino si è svolto qualche settimana fa il convegno “ Accendere i fari sull’Istruzione e Formazione Professionale” promosso dall’Associazione Treellle e dalla Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo. Come accade sempre, e lodevolmente, nelle iniziative firmate Treelle, riflessione e dibattito sono stati supportati da un Quaderno dedicato al tema, articolato in 5 capitoli : Il Quadro europeo ; Il contesto italiano; L’IeFP regionale ; L’istruzione professionale statale ; Criticità emerse e proposte.

.
Educare a vivere con gli altri: cosa può fare la scuola?
treellle vivere con gli altri

Di Saul Meghnagi, dal Convegno organizzato dall’Associazione TreeLLLe, svoltosi a Roma, il 19 marzo 2016 presso la Luiss.
Nel convegno sono stati presentati i risultati di uno studio che ha analizzato il problema dell’”Educazione alla cittadinanza nella scuola superiore” e che ha interessato giovani diplomati (19-23 anni). Le sfide determinate da una società composita per cultura, sensibilità, idee sulla società e sulla democrazia, vedono crescere l’importanza di una “global citizenship”, una formazione civica aperta al confronto e suscettibile di garantire la convivenza civile tra persone, lingue, religioni, esperienze diverse di lavoro e di vita. Questo è uno dei temi primari sui quali l’Associazione TreeLLLe intende promuovere il confronto e il dibattito nazionale.

.
I ribaltamenti di Pennac. Da allievo a insegnante
pennac flip

di Paola Benadusi Marzocca (esperta di editoria per bambini e ragazzi) -
In un libro di Pennac un insegnante si scusa anzitutto con i suoi allievi divenuti adulti, sottolineando che non aveva in mente un progetto di “pedagogia attiva”, bensì che da bambino era convinto in buona fede che riguardo allo studio l’unico metodo valido per lui era “semplicemente lo studio, quello del maestro e quello dell’allievo, mentre il resto era solo scappatoia, menzogna, demagogia, e compagnia bella.”

.
RECENSIONE: “La scuola, le api e le formiche. Come salvare l’educazione dalle ossessioni normative” di Walter Tocci
Schermata 01-2457392 alle 17.52.32

a cura di Fiorella Farinelli (Esperta di sistemi scolastici e formativi) –
Un libro dedicato alla scuola. Alle tante formiche operose che, curando “la buona vita in comune”, ne fanno talora un luogo straordinariamente innovativo, mentre non sembrano esserci, in questa fase, le api capaci di “scrutare curiose nuovi paesaggi per arricchire gli alveari”. La scuola e la politica, dunque. Un mondo tutto sommato vitale da un lato, e la ”riforma mancata”, le “ossessioni normative”, le decisioni “non generative” dall’altro.

.
Segnalazione: articolo “Allez les filles, au travail!” di Valeria Solesin, vittima del terrorismo
v s colori

Valeria Solesin, vittima degli attacchi terroristici a Parigi, era un dottoranda in demografia presso l’Università della Sorbona. Segnaliamo volentieri un suo articolo pubblicato su Neodemos due anni fa. Le tematiche trattate, le barriere all’inserimento femminile nel mondo del lavoro, sono purtroppo ancora attuali. Il nostro modo di onorare la sua memoria è quello di dedicare ancora maggiore impegno su questo tema come su quello della cosidetta fuga dei cervelli.

.
Segnalazione: LA MIA DISLESSIA di Philip Schultz
arton89715

Recensione di Paola Benadusi Marzocca (esperta di editoria per bambini e ragazzi) – Per chi nasce dislessico tutto diventa più complicato,una specie di corsa a ostacoli. Lo racconta lo scrittore ebreo Philip Schultz nella sua breve e intensa biografia intitolata LA MIA DISLESSIA -Ricordi di un premio Pulitzer che non sapeva né leggere né scrivere, dedicato al figlio Eli, dislessico come lui.

.
Scuola Democratica CALL FOR PAPERS
logo SD verde piccolo

La Call for Papers di Scuola Democratica su Valutazione e Miglioramento nei processi educativi.
Scadenza presentazione abstract: 15 Settembre 2015 ;Scadenza presentazione paper: 20 Dicembre 2015

.
ALTRE FONTI: Marco Lodoli “Ho inventato la “Buona scuola” ma non convinco i colleghi”
marco-lodoli2_550-325x160

Marco Lodoli, scrittore e insegnante di Italiano in un istituto professionale a Roma, ha preso parte a molte riunioni in cui al ministero dell’Istruzione si è progettata la riforma scolastica nota come “Buona Scuola”. In un articolo uscito su Repubblica spiega di essere stato lui a suggerirne il nome, che altrimenti sarebbe stato “La scuola dell’unità e delle convergenze”. Nello stesso articolo ammette di non essere riuscito a convincere nessuno – né colleghi né alunni – della validità della riforma.

.
Segnalazione : STUDIARE E’ UN GIOCO DA RAGAZZI-IL METODO RIVOLUZIONARIO PER FARE I COMPITI IN MODO EFFICACE E VELOCE di Matteo Salvo
header_matteo

Recensione di Paola Benadusi Marzocca (esperta di editoria per bambini e ragazzi) – La necessità e il desiderio di sapere fanno parte per fortuna della natura umana, almeno quanto la mancanza di voglia di studiare, causa di terribili sensi di colpa tanto frustranti quanto poco costruttivi. Che fare per sbloccare questo inquietante stato d’animo?

.
Segnalazione: IL CASO 3°D – CRONACHE DI UNA CLASSE IRRECUPERABILE di Bianca Chiabrando
3dlibro

Recensione di Paola Benadusi Marzocca (esperta di editoria per bambini e ragazzi)

Una lettura davvero piacevole, considerando che l’autrice ha quindici anni ed il libro non solo è divertente, ma ricco di spunti interessanti e degni di approfondimento.

.
SEGNALAZIONE FLASH: I ministri europei dell’educazione contro l’intolleranza e la discriminazione

da Giunio Luzzatto (esperto di organizzazione didattica dei sistemi universitari) –
Per una volta “l’Europa” parla di valori civili anziché di restrizioni sui bilanci pubblici! I ministri dell’educazione dei paesi membri dell’Unione Europea hanno condiviso la Dichiarazione sulla promozione della cittadinanza e dei valori della libertà, della tolleranza e della non-discriminazione attraverso l’azione educativa.

.
ALTRE FONTI: I licei finlandesi vogliono migliorare ulteriormente
index

segnalato da Elisa Prestapane (insegnante ) –
In Finlandia, ai primi posti nei ranking internazionali sull’education, sono in corso sperimentazioni piuttosto radicali per adeguare le pratiche scolastiche per le sfide del futuro.

.
ALTRE FONTI: Vincere il nobel della scuola
Logo Three people on podium over white background with gold medals

Una professoressa del Maine (USA) ha vinto la prima edizione Global Teacher Prize, quello che alcuni già chiamano “il premio Nobel della Scuola”. La professoressa riceverà un milione di dollari a rate per dieci anni (a patto di insegnare per almeno altri cinque). Ha deciso di donare la somma alla sua scuola.

.