Perchè una conferenza su Educazione e Post Democrazia
Schermata 01-2458514 alle 18.06.37

di Luciano Benadusi

La rivista Scuola democratica ha posto da sempre al centro del suo impegno intellettuale la relazione fra educazione e democrazia. Tanto più è chiamata a farlo oggi in presenza di una sintomatica di crisi della democrazia, presente perfino nei paesi che storicamente ne sono stati la culla. Il termine post-democrazia coniato 15 anni fa da un sociologo inglese, Colin Crouch, sintetizza il possibile sbocco della crisi: un regime politico e una struttura sociale che tradiscono o svuotano di sostanza il termine democrazia. La conferenza si propone di analizzare le varie tendenze che spingono verso la post-democrazia e soprattutto la loro interazione con l’educazione, nella convinzione che proprio l’educazione possa esercitare un ruolo fondamentale nell’arginarle e nello stesso tempo costruire le basi culturali per un più efficace e autentico funzionamento della democrazia. Nella conferenza verrà affontata un’ampia gamma di tematiche inerenti all’educazione. Molte di esse, (per citarne solo alcune) dalla civic education alla rivoluzione digitale, dalla sotto-istruzione e dalle diseguaglianze all’intercultura, dalla riforma della didattica ad una formazione degli insegnanti orientata all’inclusione, sono strettamente connesse al tema prescelto per la sua intitolazione.

Sul sito della conferenza http://www.scuolademocratica-conference.net/ è possibile reperire informazioni aggiornate riguardo ai contenuti, alla logistica, il programma generale, oltre a tutti i dettagli necessari per iscriversi e partecipare.

LINKS:

Per raggiungere il sito della conferenza, clicca QUI

Per scaricare il Programma generale della conferenza, clicca QUI

Per la Registrazione alla conferenza clicca QUI

Per qualsiasi necessità di approndimento, contattare info@scuolademocratica-conference.net

A partire dal 6 giugno 2019  si svolgeranno i WORKSHOP DEBATE  a cura di INDIRE, ANP e INVALSI. Per approfondimenti clicca QUI

 

 

FacebookTwitterGoogle+

Nessun commento

Rispondi

Devi effettuare il login per lasciare un commento.