Il Piccolomini nato duca e morto bandito
Schermata 05-2458619 alle 17.31.56
Libro di Paola Benadusi Marzocca RECENSIONE A CURA DI Lidia Lombardi (Succede Oggi)
L’autrice ripropone con nuovi inediti l’irresistibile discesa di Alfonso, pronipote di Enea Silvio-papa Pio II, ricostruendone la vita. Nemico del pontefice Gregorio XIII, al capo di un esercito di 500 uomini compì scorribande in tutto il centro Italia, arrivando a minacciare anche Roma

Bene ha fatto Paola Benadusi Marzocca, storica e divulgatrice di letteratura per ragazzi, a ripubblicare il ritratto di un “dannato” protagonista del Cinquecento ampliandolo con un nuovo capitolo e ulteriori spunti critici usciti dai faldoni di manoscritti dell’Archivio Storico di Firenze. Vi trovò, giovane ricercatrice che nell’introduzione si cela dietro il nome di Teresa, un corpus di lettere firmate in calce da Alfonso Piccolomini. Del quale narra con vivide pennellate “vita e morte” sullo sfondo di un corrusco e depravato XVI secolo. Cambia il titolo dell’opera pubblicata due anni fa, Benadusi, e va dritta all’identikit del suo protagonista, Il duca bandito (la prima versione si chiamava Lo scandalo del potere, edito da Tav, come la presente). Duca bandito, dunque, quell’impavido nato ad Acquapendente, nell’alto Lazio, signore di Montemarciano e Caposervoli, pronipote di Enea Silvio Piccolomini, il dottissimo Papa Pio II che creò – affidandosi all’estro urbanistico di Rossellino – Pienza, la città ideale del Rinascimento.

Per continuare a leggere la recensione di Lidia Lombardi clicca QUI (il link conduce all’articolo originale uscito su SuccedeOggi.it )

FacebookTwitterGoogle+

Nessun commento

Rispondi

Devi effettuare il login per lasciare un commento.