Investire in capitale umano per stimolare la crescita
Schermata 09-2458018 alle 11.32.50

di Floro Ernesto Caroleo e Francesco Pastore

Per commentare l’andamento del mercato del lavoro i mass-media e i politici citano i tassi di disoccupazione. In verità già i confronti tra le regioni europee su questi dati sono di per sé impietosi e tuttavia non danno una misura esatta del divario “strutturale” che esiste tra i vari paesi e tra le due parti del paese. Il motivo principale per cui il tasso di disoccupazione non può essere considerato un indicatore del divario strutturale è che, per come è definito e costruito, esso è piuttosto un indice congiunturale del mismatch tra domanda e offerta di lavoro.

.
Una riflessione sull’apprendimento cooperativo
yKmEoqgvcsPATinhcBj5iUkG

di Silvia Zanazzi (Ricercatrice in Pedagogia presso Sapienza Università di Roma)
Che cosa c’è di davvero innovativo nel cooperative learning? Secondo Comoglio l’apprendimento cooperativo segna l’ingresso nella scuola della psicologia sociale, con l’attenzione al lavoro sul gruppo e sull’interdipendenza.

.
Una strategia delle competenze per vedere meno nero
slider6piccolo

di Fabrizio Dacrema (esperto di formazione e lavoro- CGIL nazionale)

È in corso la quarta rivoluzione industriale e più le persone se ne accorgono maggiore diventa la percezione del futuro come minaccia. Vedono nero non solo le vittime dell’esclusione sociale ma anche i ceti medi impoveriti e tutti i soggetti che percepiscono se stessi in una traiettoria socio-economica declinante. Per un Paese come il nostro, così poco propenso all’azione sistemica, la spinta necessaria alla realizzazione di una strategia nazionale delle competenze non può che venire dalle forze sociali, come avvenne con le 150 ore, non a caso, una delle poche esperienze italiane di successo di formazione degli adulti. Lo stesso spirito deve tornare ad aleggiare per un’innovazione 4.0 che metta al centro dignità e qualità del lavoro.

.
Cyberbullismo. Recensione del libro COSA SAREMO POI di Luigi Ballerini
isthisagoodschool

Dinanzi alla tematica forte e attuale del cyberbullismo che investe i giovani di ogni latitudine con conseguenze a volte drammatiche, Luigi Ballerini, medico, psicoanalista e scrittore pluripremiato, descrive insieme alla scrittrice Luisa Mattia nel suo ultimo romanzo dal titolo significativo COSA SAREMO POI (Lapis,pp.229, € 12,50), un classico caso di aggressione in rete.

.
Salutando Simonetta
Schermata 03-2457835 alle 10.16.40

Di recente è venuta a mancare Simonetta Salacone, una personalità molto stimata del mondo della scuola, una dirigente scolastica che fu anche presidente dell’IRSSAE Lazio e responsabile scuola di SEL. Giuliano Ligabue, ex dirigente scolastico, ha scritto una bella commemorazione uscita su Confronti. Ci fa piacere ripubblicarla.

.
E’ uscito il nuovo numero di Scuola Democratica
Schermata 02-2457800 alle 12.06.28

Segnaliamo l’uscita del terzo numero di Scuola Democratica per il 2016. Una Special Issue sulle Innovazioni didattiche nelle riforme universitarie a cura di Giunio Luzzatto e Matteo Turri. Per andare all’indice della rivista on line clicca QUI Indice del numero 3, 2016, settembre-dicembre ·         ISBN: 978-88-15-26332-2 TITOLO: Special Issue: Innovazioni…

.
Scuola Democratica Call for Papers : scadenza posticipata al 15 febbraio!
schermata-11-2457700-alle-11-00-20

Schools and Religious Identities: Challenges and Dilemmas of the New Millennium -
Scuola Democratica, la rivista italiana che si occupa di ricerca, analisi e riflessione sull’educazione e l’apprendimento, edita da Il Mulino, promuove la Call for Papers Schools and Religious Identities: Challenges and Dilemmas of the New Millennium, invitando studiosi italiani e stranieri a sottoporre proposte di articoli che verranno pubblicati nel Numero 3 (settembre 2017), con una Special Issue a cura di Mara Benadusi, Valeria Fabretti e Luca Salmieri.

.
LA SCUOLA SALVATA DAI BAMBINI. Intervista a Benedetta Tobagi
schermata-12-2457744-alle-12-01-55

a cura di Paola Benadusi Marzocca (esperta di editoria per bambini e ragazzi) – Leggendo il libro inchiesta di Benedetta Tobagi si avverte l’invito a parlare a tutti, la spinta condivisa da insegnanti e ragazzi a cambiare la realtà attuale. Il viaggio che compie l’autrice nelle scuole primarie pubbliche disegna uno scenario complesso ricco di maestri e dirigenti di grande competenza e soprattutto di buona volontà dentro a un sistema scolastico che potrebbe funzionare meglio e ampliare l’offerta formativa in linea con gli standars europei. Si tratta di una scuola primaria migliore o peggiore rispetto agli anni in cui lei la frequentava da alunna?

.
Bullismo. La sottile linea tra vittima e carnefice
schermata-10-2457693-alle-18-32-21

di Rosaria Cataletto (Psicologa, psicoterapeuta, esperta in criminologia e consulente presso il ministero di giustizia)
Social e quotidiani, nei giorni scorsi, hanno dato ampio spazio, ad un nuovo episodio di bullismo che vede protagonisti due adolescenti, dove sembra quasi impossibile, andare a percepire il confine tra vittima e bullo, vista la dinamica degli eventi che si sono sviluppati nel corso di diversi anni.

.
L’alternanza alla prova
Schermata 05-2457532 alle 16.58.50

di Fabrizio Dacrema (esperto di formazione e lavoro- CGIL nazionale) –
Primo esame per l’alternanza scuola lavoro obbligatoria introdotta dalla legge 107/2015. La linea comunicativa scelta dal Governo privilegia i toni luminosi del successo. Un’indagine realizzata da CGIL, Fondazione Di Vittorio, Flc Cgil e Rete degli Studenti, mette in luce difficoltà non riducibili a quelle “tipiche delle fasi di attuazione”.

.
Bullismo, due facce, stessa medaglia
isthisagoodschool

di Rosaria Cataletto (Psicologa, psicoterapeuta, esperta in criminologia e consulente presso il ministero di giustizia)
Il bullismo, non è un fenomeno nuovo, come spesso si crede, sono solo cambiate le modalità, attraverso cui questo viene percepito dalla società. Gli episodi degli ultimi anni, riportati all’opinione pubblica, ne hanno cambiato il suo significato. Nel passato per “bullo”, si intendeva il ragazzotto di strada, spesso raffigurato con tratti che denotavano stati di povertà e lotta alla sopravvivenza, suscitando anche simpatia e comprensione, per il suo stato. Oggi, invece non è cosi.

.
L’Alternanza scuola lavoro e il nuovo regime di transizioni scuola-lavoro
apprendistato 1

di Francesco Pastore (Professore Aggregato di Economia Politica presso la Seconda Università degli studi di Napoli)
Il 13 settembre 2016, Francesco Giubileo ha presentato l‘attesissimo primo rapporto EYU sull’alternanza scuola lavoro in Italia. Pur riferendosi ad aree geografiche regioni molto diverse, le esperienze analizzate evidenziano molti tratti comuni.

.
Riaprire una discussione sulle finalità strategiche dell’istruzione per gli adulti. Proposte della Rete piemontese dei CPIA
schermata-09-2457644-alle-11-38-07

Una proposta che se attuata permetterebbe di sviluppare un’offerta formativa capace di intercettare i bisogni di istruzione e formazione dell’ampia parte di popolazione adulta, soprattutto dei “giovani adulti”, che in Italia è priva di diplomi e di qualifiche professionali. Un deficit grave, e gravido di effetti negativi, per i diretti interessati e per lo sviluppo civile ed economico del paese.

.
L’alternanza scuola-lavoro: pregi e ostacoli all’attuazione
Alternanza-scuola-lavoro

di Clorinda Maisto e Francesco Pastore –
L’alternanza scuola-lavoro (ASL) è senz’altro una delle innovazioni più importanti degli ultimi decenni delle transizioni scuola-lavoro in Italia. Nonostante l’obbligo di legge le resistenze sono ancora tante e la fase iniziale di implementazione è lenta e a macchia di leopardo sul territorio nazionale.

.
Il quaderno Treellle su Istruzione e Formazione professionale.
Schermata 07-2457584 alle 11.42.43

A Torino si è svolto qualche settimana fa il convegno “ Accendere i fari sull’Istruzione e Formazione Professionale” promosso dall’Associazione Treellle e dalla Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo. Come accade sempre, e lodevolmente, nelle iniziative firmate Treelle, riflessione e dibattito sono stati supportati da un Quaderno dedicato al tema, articolato in 5 capitoli : Il Quadro europeo ; Il contesto italiano; L’IeFP regionale ; L’istruzione professionale statale ; Criticità emerse e proposte.

.
IN AGENDA: Convegno “Accendere i fari sull’istruzione e formazione professionale- IFP/VET”
Schermata 06-2457562 alle 23.05.25

Giovedì, 23 giugno 2016 ore 14.30 17.30 presso Aula Magna del Politecnico,sede Lingotto, Via Nizza 230 Torino.
Nonostante la sua evidente rilevanza, questo settore non è al centro, come meriterebbe, dell’attenzione e della cura da parte dei decisori pubblici, degli esperti e dei media. Proprio per questo TreeLLLe e la Fondazione per la Scuola hanno deciso di accendere i fari sul tema conducendo un’analisi approfondita dell’evoluzione normativa, quantitativa e qualitativa dell’offerta formativa dell’Istruzione professionale (IP) di competenza statale e dell’istruzione e Formazione professionale (IeFP) di competenza regionale.

.
CALL FOR PAPER : Re-conceptualising resistance in the sociology of education Discourse and practices challenging educational standards issued from globalisation
Schermata 06-2457555 alle 12.52.35

Éducation et Sociétés.International journal of sociology and education – Special report project
Projects are to be sent before 1 November 2016.

.
CALL FOR PAPER : Equity, Social Justice and Adult Education and Learning Policy
Schermata 06-2457555 alle 12.37.16

8-10 June 2017 – University of Verona, Italy
All abstracts must be submitted by 19th January 2017

.
IN AGENDA: Presentazione numero speciale SD – Sociomaterialità in educazione
Schermata 06-2457553 alle 11.17.01

ROMA 22 giugno 2016, ore 14.30 a Roma Via Salaria 113
Oggetti, artefatti e spazi sono stati argomenti di interesse minore nelle indagini sulle pratiche e le politiche dell’apprendimento e dell’educazione. Lo special Issue di Scuola Democratica segnala e discute il nuovo interesse verso la materialità nell’educazione che invita a considerare gli oggetti, le tecnologie, i dispositivi, gli spazi come veri e propri ‘protagonisti’ delle pratiche e delle politiche educative.

.
Organico potenziato. Una rondine non fa primavera
rondene

di Fiorella Farinelli (Esperta di sistemi scolastici e formativi) – L’ introduzione del cosiddetto “organico potenziato”, qualche decina di migliaia di insegnanti in più, un bel gruzzolo di spesa pubblica, è un tema su cui questo blog ha invitato e invita a scrivere, per saperne e farne sapere di più. Una singola decisione, sebbene inappropriata, non si può usare per dire che non va bene niente . I casi specifici, o i dettagli, però qualcosa di utile lo rivelano sempre, tanto più quando ancora manchi un quadro puntuale e attendibile delle modalità concrete e degli esiti di qualche riforma/innovazione.

.